Maria Antonietta Bartolozzi

La prima a promuovere
a Tolentino le adozioni
a distanza, una donna con la passione dell’aiuto ai poveri
1925  - 1994

 

Don Rino Ramaccioni

Uno dei fondatori

nel suo primo viaggio
in India

Successore di Maria Antonietta Bartolozzi

 

 

Tutto prese il via nel 1962, quando tredici vescovi indiani, che partecipavano al Concilio Vaticano II vennero a Tolentino per venerare la reliquia di San Tommaso da Tolentino morto martire a Bombay nel 1321. Questi Vescovi chiesero aiuti per i poveri delle loro comunità. Maria Antonietta Bartolozzi, una donna impegnata a favore dei più bisognosi, concretizzò la richiesta iniziando a dare vita alle "adozioni a distanza di bambini indiani”. Nel 1993, quando il Sermit la affiancò nella gestione delle adozioni, Antonietta già ne aveva raccolte circa 600.

Chi adottiamo
-
Bambini poveri, orfani, malati, accolti in istituti gestiti da religiosi.
 
Ovviamente il beneficio non va solo all’adottato, ma anche a tutti gli altri
  bambini presenti nell’istituto.

- Bambini presso villaggi bisognosi di scuole, pozzi per acqua potabile,
  dispensari tramite sempre parroci o suore


Ad ogni adottante viene inviata una foto del bambino o della bambina adottata.

I paesi dove effettuiamo le adozioni  con contatti diretti sono:
India, Brasile, Uganda, Albania.
(per maggiori dettagli, seguire il menù in alto a desta).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

> Torna su

 

Ass.ne SERMIT onlus
Servizio Missionario Tolentino
V.le Bruno Buozzi, 121 (sottostrada) ● 62029 Tolentino (MC) Italy
Tel. 0733.974680 ● Fax 0733 954960 ● C.F. 92003910434

 Copyright © 1997 -